Ambiente e Salute

Ambiente è tutto ciò che ci circonda: la natura, i luoghi che frequentiamo, la società, la cultura. L’ambiente, o meglio i tanti ambienti che ci circondano hanno complesse interazioni con la nostra salute, intesa come uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale (Carta di Ottawa, 1986).

I rischi per la salute dovuti all’inquinamento ambientale sono particolarmente alti per i bambini, che sono più suscettibili degli adulti a tali rischi. Uno stile di vita sano, una corretta alimentazione, la prevenzione ed una corretta applicazione del principio di precauzione sono sicuramente i migliori strumenti per limitari i rischi connessi all’inquinamento ambientale.

La complessità della materia non consente a nessuno di dare risposte esaurienti alle tante domande che legittimamente ognuno di noi si pone.

Nelle sezioni seguenti troverete poche risposte ad alcune domande relative all’ambiente in cui viviamo, gli spazi aperti, le nostre case, le scuole dei nostri figli, il cibo.

Per approfondimenti puoi ad esempio consultare il testo a cura di Giacomo Toffol, Laura Todesco e Laura Reali “Inquinamento e salute dei bambini. Cosa c’è da sapere e cosa c’è da fare”, Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, 2010.

CI VUOLE RISPETTO PER LE BAMBINE ED I BAMBINI

“La protezione della salute dei bambini dagli effetti dell’inquinamento ambientale è una priorità di sanità pubblica”. La comunità scientifica ha riconosciuto i bambini come i soggetti più vulnerabili tra gli ESPOSTI. Ci stiamo facendo obbligo di consigliare con competenza i decisori politicoamministrativi ad applicare il PRINCIPIO DI PRECAUZIONE, cioè misure cautelative che prevengano il rischio anche quando questo non sia ancora quantificato.

Stefania Bernacchi, Luciana Colombo – Associazione Culturale Pediatri

Ci vuole rispetto per le bambine ed i bambini

IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE

Il principio di precauzione si può sintetizzare nel detto “prevenire è meglio che curare”, ovvero di fronte ad un rischio potenziale è necessario adottare misure adeguate ed efficaci a prevenire tale rischio (Dichiarazione di Rio, 1992).

In altri termini, si può dire che il principio di precauzione riguarda tutti quei casi in cui ci si trova di fronte ad un rischio non provato, a differenza del principio di prevenzione, che riguarda situazioni in cui il rischio è oggettivo e provato.